10 Dicembre 2022
PLR

Scelta per Lugano in CdS Alessandra Gianella

Scelta per Lugano in CdS Alessandra Gianella

Nel corso della Direttiva Sezionale, si è tenuta la presentazione dei dodici candidati per il Gran Consiglio. Per l’occasione è stata svelata la candidatura di Alessandra Gianella per il Consiglio di Stato che ha dato la sua disponibilità per le prossime elezioni cantonali.

La candidata, che per la terza volta sarà capogruppo del legislativo cantonale, ha parlato dei temi più sentiti, dalla formazione al mercato del lavoro alla fiscalità. Ha tenuto a ribadire che “speriamo di riuscire a portare avanti nei prossimi mesi la revisione sulla legge tributaria per rendere più attrattiva l’imposizione per i contribuenti più importanti proposta già un anno fa”.

Degli altri Candidati, Fabio Schnellmann sui temi legati alla mobilità come il potenziamento dell’A2 e il Tram-Treno del Luganese, ha sottolineato il dissenso della gestione con il Dipartimento del territorio.

 Natalia Ferrara ha smentito di essere stata chiamata per il Cds “ la politica a gestione corrente non è politica, ma contabilità. Vorrei portare il mio contributo con entusiasmo per crescere e convincere. Il PLR di Lugano può tornare a dare la spinta all’intero partito”

Nella lista dei dodici anche Ferruccio Unternährer che a seguito della notizia del trasferimento di Ferrara ha ammesso che la sua convinzione a candidarsi ha fortemente vacillato (determinante l’averne parlato con Paolo Morel).

Collegato in video, Luca Cattaneo ha dichiarato di volersi mettere a disposizione per il legislativo cantonale dopo la lunga esperienza rispettivamente di Carona prima e di Lugano poi.

Nella lista per le comunali anche Innocenzo Caizza presidente della sezione di Besso, ha parlato di spirito di servizio nei confronti del partito e della comunità.

L’architetta Carola Barchi contrappone alle campagne basate su aperitivi e sparate populiste, “partecipazione, discussione, confronti e difesa dei valori” ricordando il ruolo avuto dal PLR nella costruzione del Ticino moderno.

Ammette di aver sciolto le riserve solo da poche ore, Luisa Tettamanti dell’Ufficio presidenziale “perché è giusto mettersi in gioco, soprattutto le donne, per cambiare le cose” afferma la responsabile de La Fonte.

 Meno nota politicamente la giovane Fosca Chiappini, Locarnese, dal 2020 assistente di contabilità e finanze del Film Festival di Locarno, per “dare un altro punto di vista” su temi giovanili scolastici e sociali.

Non ancora trentenne Luca Staderini proveniente dai giovani del PLR del Luganese ma già profondo conoscitore dell’ambito alberghiero “un settore che rappresenta il 10% del pil ticinese.

Dario Gabella “necessario lavorare sulle condizioni quadro per le piccole e medie imprese” e Andrea Togni “cattolico, moderatamente nazionalista, profondamente liberale, fondamentale avere un centro politico forte per diminuire la burocrazia che attanaglia l’economia” a rappresentare il mondo imprenditoriale.

“Umanità e Competenza”, così si è espresso Paolo Morel verso i Candidati Luganesi al Gran Consiglio che dovranno essere approvati anche dall’assemblea in programma il 26 settembre.  Non ha nascosto la difficoltà nel selezionare i candidati, e contattato dal presidente cantonale ha dato la sua disponibilità limitatamente al CdS dell’aprile 2023.

Infine, belle parole cariche di significato di Giovanna Viscardi che, per aver raggiunto il limite massimo di legislature non si ripresenterà “la politica fa bene quando la si fa onestamente e con il cuore …non abbiate paura di portare avanti i vostri principi e le vostre idee senza farvi influenzare dalle opinioni altrui.

Condividi
Autore

Voce PLR