10 Dicembre 2022
PLR

L’importanza dei grandi eventi per la Lugano di oggi e di domani.  

L’importanza dei grandi eventi per la Lugano di oggi e di domani.  

Nessuno aveva dubbi che 2 anni di pandemia non avessero conseguenze nei diversi settori della società. Tuttavia, quando è trapelata la notizia che un altro pezzo della nostra bella storia di Lugano ci potrebbe lasciare, mi ha stimolato a fare un appello accorato a favore dei grandi eventi a Lugano.

Mi riferisco alla possibilità che Estival Jazz non prosegua la sua attività, che aggiunto al Blues to pop, che nonostante gli apprezzabili sforzi del Comune ha oggettivamente un format molto meno accattivante da quello che ci aveva per anni “regalato” il grandissimo Norman Hewitt.

La città di Lugano deve proseguire con la programmazione di eventi di valore estivi come fatto in questi anni, ma nello stesso tempo dovrebbe sostenere manifestazioni come Estival Jazz, che ha saputo caratterizzare la nostra “piazza” in termini di attrattività turistica di qualità attraverso un appuntamento conosciuto e apprezzato a livello Nazionale ed Internazionale.

Sono consapevole che scrivere concetti, quasi ovvi, sia piuttosto semplice rispetto a trovare i fondi e le energie necessarie per realizzare progetti e manifestazioni importanti; tuttavia, mi permetto sottolineare l’importanza di questo sforo, alla luce del fatto che il mondo della musica è cambiato molto.

Nel corso degli anni, per il fatto che la musica è accessibile a tutti e con costi praticamente nulli, artisti di qualità e famosi, sono costretti ad essere molto produttivi in termini di concerti live e nello stesso tempo anche maggiormente competitivi sui costi.

Anche gli spostamenti degli artisti sono diventati più semplici rispetto a qualche anno fa; pertanto determinate “barriere esterne” nell’esecuzioni di grandi eventi musicali sono in parte abbattuti, o quantomeno meno costosi.   

Si ritiene che il punto su cui lavorare sia piuttosto locale.

In questa direzione, si ritiene utile sforzarci nel creare le migliori condizioni “interne” per rendere possibili determinate manifestazioni. Gli elementi cruciali sono: una potente macchina comunicativa in grado di poter trasmettere, attrarre e vendere l’evento nel modo più efficace, accordi pubblici e privati per rendere i costi logisti e di soggiorno degli artisti i più bassi possibili ed infine sostenere soggetti privati che possano trarre gli adeguati vantaggi di immagine nel sostenere manifestazioni di questa qualità e con questo eco mediatico.

Riconosco nuovamente, che scrivere/parlare è molto più semplice che fare, ma considerare di gettare patrimoni culturali come quelli di Estival jazz senza fare ogni sforzo possibile non è coerente. Tra l’altro, seppur considerando le differenze, vi sono esempi a livello cantonale, sulle splendide rive del Lago Maggiore, che hanno saputo trovare le soluzioni per continuare la manifestazione jazz Svizzera per eccellenza.

La competizione territoriale e turistica passa anche attraverso eventi di questa natura. Ripetiamo spesso, che viviamo in un contesto bello e ricco, ma sappiamo anche che Lugano non brilla in termini di velocità nel sostenere i processi di cambiamento infrastrutturali necessari per rimanere attrattivi a livello globale. Pertanto, mantenere e sostenere elementi “soft” di attrattività come i grandi eventi che hanno garantito visibilità ed immagine per tanti anni diventa quasi una necessità.  

                                                                                                                                                             Giovanni Luatti

                                                                                                                                              Vicepresidente Ufficio Presidenziale

                                                                                                                                              PLR – Lugano

Condividi
Autore

Giovanni Luatti